Test materiali #1: lana “AquiLANA”

Questo post vuole essere uno dei tanti (spero) in cui metto la faccia nel giudicare un prodotto che ho testato per uno dei miei lavori. La mia opinione vale come le altre, non ha valore assoluto e sinceramente è frutto della mia esperienza e della mia manualità. Fatta la premessa iniziamo a presentare il prodotto: lana Aquilana.

Dove trovarla? Chi è? Cosa fa? Da dove viene?

Su fb potete trovarla alla pagina dell’Azienda agrozootecnica Damiani Ovidio e aprendo la pagina vi troverete la bella foto della bella famiglia che si è rimboccata le maniche e ha ripreso un lavoro antico come il mondo: la pastorizia. Alla pagina troverete anche il link del loro blog “L’AquiLANA” dove potrete trovare informazioni sulla loro storia e sul loro lavoro. Non voglio dilungarmi troppo sulla presentazione perché davvero le informazioni le trovate ai link, ma da tempo seguo il progetto per alcuni motivi:

1. Riproposizione dell’allevamento di animali autoctoni italiani.

2. Lavorazioni di lane italiane (se penso a quanti secoli le lane italiani imperversavano sui mercati italiani…) con vero marchio “made in Italy”.

3. Riscoperta di un lavoro antico, ma fondante della nostra economia.

4. Passione: quanto leggi le parole di Valeria ci senti la fatica, la passione, la voglia di credere ad ogni singolo sforzo, il valore della scelta e delle scelte che si fanno. Insomma passione è vita, ma quella vera che non va in tv.

5. Viene dall’Aquila e Dio solo sa quanto bisogna dare una mano a quell’economia per ripartire davvero e metterla in quel posto agli speculatori.

Mi sono fatta spedire una presentazione del prodotto per non sbagliare:

AquiLANA

L’azienda agrozootecnica Damiani Ovidio opera a Barisciano in via provinciale dal gennaio del 2010.

L’allevamento di ovicaprini è l’attività principale dell’azienda a cui si aggiungono poi le coltivazioni di lenticchie nere di Barisciano, Patata Turchesa e Grano Solina.

La lana viene prodotta grazie alla raccolta durante la tosatura dolce di velli esclusivamente di pecore merinizzate italiane, vengono infatti scartate già dall’avvio alla trasformazione in filato velli ordinari provenienti da pecore di altre razze.

Una volta raccolta  la lana sudicia viene inviata al Consorzio Biella The Wool Company, dove viene trasformata in filato, attraverso la tecnica della pettinatura.

La pettinatura è un processo raffinato che rende il filato così ottenuto, non solo più morbido, ma anche più duraturo nel tempo rispetto all’altro metodo di trasformazione che è la cardatura, più grezza e grossolana.

Fase di lavaggio della lana.

Fase di filatura: dal top al filato-

Appena terminate le fasi di trasformazione, il filato di AquiLANA (marchio registrato), torna da Biella a L’Aquila in diverse tipologie di titoli ed in rocche da un chilogrammo.

A L’Aquila il filato, se necessario, viene tinto a mano e naturalmente e viene confezionato sottoforma di matasse o gomitoli da 100gr.

Sono arrivata a questo prodotto perché da anni cerco un filato di lana sottile che mantenga la tensione che esercito quando lavoro con le tavolette per la tessitura. Il mio test personale è sempre stato quello di spezzare con le mani il filato: quando questo accade la lana è buona per altro non certo per le mie tavolette. Mi è stato garantito che questa lana era di altra qualità e non è un modo di dire visto che l’anno scorso mi era stata mandata da Betta per la didattica una nuvola di prodotto solo cardato. Sì, probabilmente era davvero di altro tipo.

Un mese fa circa, sempre da Betta, mi è arrivato un bel gomitolo di color grezzo molto bello: è il colore che cerco sempre per sostituire il bianco. E’ caldo quel tanto che basta per essere un bianco “sporco” (scusate la definizione, ma se ci pensate noi siamo abituati al bianco sparato che tutto ci sembra sporco), ma perfetto per essere storico. Al test manuale non si spezza per niente, anzi al massimo mi sega le dita. Ottimo. Primo passaggio superato a pieni voti.

Si va al telaio.

In comparazione a questa lana, prendo la mia solita Sesia (lana merino, made in Italy, ma senza altre indicazioni) con cui lavoro sempre bene, ma ha uno spessore per me troppo grande (si lavora con il 3.5 dei ferri, tanto per intenderci). Aquilana invece è un 2 capi, 10000nm.

il prezioso gomitolo. Il colore più chiaro, ma non è venuto benissimo in foto

il prezioso gomitolo.
Il colore più chiaro, ma non è venuto benissimo in foto

SCHEDA con comparazione

1. Elasticità: Aquilana è meno elastica della Sesia. Tagliando i fili per 1 metro, una volta messi sul telaio la Sesia si tende, mentre l’altra no. Mi chiedo come mai. Non è un vero difetto, ma abituata a usare fino all’ultimo centimetro possibile, con questa bisogna ragionare più come con il cotone e quindi tagliare qualche centimetro in più per sicurezza.

diversità di elasticità finale

diversità di elasticità finale

2. Tensione: Aquilana tiene benissimo la tensione senza problemi.

i fili sono sempre ben tirati

i fili sono sempre ben tirati

3. Sfibratura (non so se si dice in italiano): purtroppo tende a sfibrarsi un po’ nella sollecitazione del lavoro. I due capi pur tendendo ad aprirsi non si slegano e quindi il lavoro rimane compatto.

fine lavoro

fine lavoro

4. Aquilana è leggermente pelosa, mentre la Sesia è pettinata. Questo comporta il sorgere di veri pilucchi in fase di lavorazione e in caso tocchi disfare un pezzo si aggroviglia e tocca tagliare i pilucchi che fanno da legaccio. Ho notato, anche lavorando con la lana cornigliese, questo aspetto un po’ peloso delle lane naturali che non da alcun fastidio al contatto, ma con la sollecitazione delle tavolette diventa fastidiosetto.

.

.

i pilucchi che si arrotolano fra loro

i pilucchi che si arrotolano fra loro

Malgrado questo aspetto la tessitura è pulita e ordinata e non c’è alcuna differenza con l’altra lana. E questo è di sicuro il punto più importante di tutti quelli analizzati.

particolare

particolare

GIUDIZIO FINALE:

E’ stato un piacere provarla finalmente e trovare un filato sottile che mantenesse la tensione in ogni momento della tessitura senza dare mai problemi. Lavorata è perfetta, perché da vita a un lavoro preciso e ben ordinato come mi aspettavo di trovare. I pilucchi sono fastidiosi lo ammetto e bisogna stare attenti alla lavorazione e non sbagliare troppo perché, essendo più pelosa, può “rovinarsi” a furia di correggere, ma si spera che, quando si sta attenti a quel che si fa, un errore si rimetta a posto con poche manovre. La pelosità della lana è comunque in una soglia più che accettabile sia per il lavoro che per i peletti che volano per l’aria. Se sotto la pressione di eccessiva torsione tende ad aprirsi e perdere corposità, ma questo capita spesso alle altre lane (nel mio lavoro le 4 tavolette estreme hanno subito le maggiori torsioni per esempio), lasciandomi sempre un po’ preoccupata per la resa.

VOTO: 7 

Non so se effettivamente la lana sia migliorabile negli aspetti per me più fastidiosi, ma è già di per sé un buon prodotto che consiglio a chi voglia tessere o lavorare a maglia cercando di essere più storico o naturale che sia.

Ora vorrei provare anche gli altri colori che sono stati tinti a mano per vedere l’effetto che fa con un prodotto tutto “made in AquiLANA”.

prodotto finito. Soddisfatta

prodotto finito.
Soddisfatta

 

Annunci

Cosciali da combattimento

Più si combatte e più ci si fa male e più ci si fa male e meno ci si vuol far male: è la regola del buon rievocatore combattente. E dopo esserci fatti male più e più volte e tornati a casa con un sacco di lividi sulle gambe, ho pensato bene di progettare e fare dei cosciali che fossero ben imbottiti per attutire le botte, ma non impedissero il movimento.

Punto di riferimento sono sicuramente i lavori fatti da Adriana per l’Ars Dimicandi: protezioni molto imbottite, ma che non impediscano il movimento

Tarraco Viva. Combattimento Ars Dimicandi

Tarraco Viva.
Combattimento Ars Dimicandi

A noi sinceramente non serve così tanta protezione, primo perché abbiamo anche altre protezioni da sovrapporre e secondo perché, per quanto fisico, non siamo ancora a quei livelli agonistici e fisici.

Ma procediamo con ordine. Prima di tutto bisogna partire dalla fonte e io ho usato la famosissima bibbia Maciejowski dove c’è tutto (cit.). Non è l’unico punto di riferimento ma è di sicuro quello di più chiara comprensione.

bibbia Maciejowski

bibbia Maciejowski

bibbia Maciejowski, particolare

bibbia Maciejowski, particolare

Poi ho chiesto un po’ in giro per capire quale migliore imbottitura si dovesse scegliere e devo ammettere che non mi soddisfacevano le risposte non tanto per il materiale, quanto per lo strato di imbottitura. Già il mio gambeson è troppo morbido per i miei gusti e i nostri standard di combattimento e ricostruttivo, che non volevo che i miei cosciali fossero poco più spessi di un misero piumino d’oca: devono fermare le botte, attutire i colpi e impedirmi di farmi male. Quindi ho optato per una doppia imbottitura naturale, ma di spessore e lavorazione diversa: feltro pressato e lana da materassi. Il primo è stato usato per imbottire quasi tutti i canali dei cosciali, mentre la seconda è servita per imbottire quelli più interni alla coscia e quindi più complicati da sagomare per non dare fastidio.

P1170568

strati di feltro pressati

P1170571

lana da materassi

P1170572

imbottitura

Una volta imbottito il quadrato di stoffa diviso in canali, inizia il lavoro vero e proprio: la sagomatura. La scelta di modello di questo gambali è stata di farli aperti e sagomabili in ogni momento, alla bisogna, quando li si indossa, per non essere costretti ad avere delle protezioni che possono diventare larghi o stretti al cambio di fisicità.

P1170569

primo lavoro di rifinitura

P1170573

sagomatura

Le prove sul corpo sono state necessarie e fondamentali per calibrare al meglio le imbottiture e per non intralciare i movimenti con cuciture o imbottiture mal messe.

P1170574

prima prova: Maresciallo e Madre

P1170576

attenzione a ogni dettaglio

Una volta completati i cosciali sono stati uniti da un’unica cintura. Anche questa è una delle tante opzioni valutate e ci è sembrata quella più comoda e veloce da indossare. Rimane una delle tante possibili opzioni però.

P1170806

dietro con la chiusura coi lacci

P1170807

davanti

Tutto questo lavoro è stato fatto a mano da mia mamma nel suo mese di ferie agostane, spezzando aghi e incavolandosi con la macchina da cucire che ovviamente non è progettata per lavori così particolari. Senza di lei questi cosciali avrebbero visto la luce nel 2015 rischiando di rimanere lettera morta o sogno del cassetto. Grazie grazie grazie.

Conclusioni:

I cosciali sono stati sperimentati per Mantova Medievali sia da me che da mio fratello (la santa mamma è riuscita a farli entrambi) per la solita e aspettata battaglia contro i quattrocenteschi.

IMG_1843 IMG_1844

La mobilità è ottimale: non solo il movimento non è impedito, ma in caso di piegamento permettono una buona ammortizzazione. L’ingombro è minimo, paradossalmente, essendo sagomati. Il peso è quasi del tutto ammortizzabile con tutto il peso che si ha indosso. La resa è ottima. Non posso dire quanto sia la resa in rapporto con le botte, perché a questo giro non ne ho prese sulle gambe, ma aspetto altra occasione per provarli. Da sistemare la posizione di cosciali e schinieri in modo che non si spostino durante l’azione. Da valutare l’applicazione di un ginocchiello di metallo. La posizione della cintura proprio sul bacino stranamente non da né fastidio né intralcio.

Devo dire che sono molto soddisfatta per questa prima prova e che mi da modo di pensare a come migliorarli o fare altre imbottiture sagomate su di me (e sui miei), quindi molto più comode e funzionali in ottica di un modo di combattere non figurato, ma in libera e sempre più impegnativo.

Secondo Stage Scherma Medievale con la Mansio

Di questo secondo stage non ho foto da postare, visto che causa spostamento della data pochi sono riusciti ad esserci.
Comunque abbiamo ben lavorato.
Il Maresciallo ha fatto un corso intensivo a fratel Rolando dalle 10 alle 16, tolta la pausa pranzo; ed io ho insegnato tutti i colpi alti ai novizi.
Mi è piaciuto notare come a distanza di un mese le cose fossero rimaste in mente e malgrado la stanchezza mattutina e la coordinazione, si è potuto aggiungere materiale e provare molte più cose.
Lavorare in modo organico mi ha fatto capire come sia per i novizi più comprensibile:
colpo x dritto e roverso; risposta/difesa y dritta e roversa.
Quello che mi ha sorpreso maggiormente è stato notare che al pomeriggio messi l’uno contro l’altro a coppie si rendessero conto da soli dove sbagliavano.
Facendo un paragone con noi veterani, trovo questo approccio all’esercizio schermistico molto stimolante non solo perché permette di far capire meglio il gesto, ma anche per notare che le cose non si fanno passivamente ma si cerca di ragionare.
Tutti i nostri allenamenti settimanali hanno una componente fisica e una componente teorica: essendo in pochi il Maestro può seguire con attenzione ognuno di noi e notare errori e potenzialità. In più è assolutamente interessare come ognuno di noi ragioni in modo differente in base alle proprie capacità fisiche, costituzione e “mentalità bacata”.
Vedere questo ragionamento nei novizi è stimolante e mi spinge maggiormente non solo a cercare di capire per divulgare al meglio e cercare dall’inizio a non avere difetti grossolani, ma anche a capire meglio il gesto atletico non visto in senso teorico ma pratico.
Vedere di fronte a noi un avversario e non un nemico è un cambio mentale importantissimo perché si elimina la scarica adrenalinica negativa (fatta per fare male), preferendo quella costruttiva che attiva muscoli e cervello.
Il secondo stage è stato comunque costruttivo e impegnativo e l’allenamento di ieri sera è stato massacrante per me e il Maresciallo, dovendo seguire i ritmi di coloro che non hanno potuto esserci e quindi erano freschi.
Tante domande sono venute fuori, ma anche tanti stimoli.
Prossimo step è far analizzare dal Maestro i filmati della volta scorsa e confrontarli con quelli che faremo al prossimo allenamento settimanale.
Abbiamo veramente tanto lavoro da fare, anche a livello fisico e atletico, che malgrado le passeggere incavolature c’è solo da essere positivi e stimolati.
Indicativamente il 21 aprile avremo il terzo stage.