Cosa non si fa per la cultura.

Adoro questo modo di fare pubblicità per la cultura, e nello specifico per un museo e la sua riapertura.

Cosa non darei per poter fare la stessa cosa anche in Italia, anche come una semplice spettatrice!
Ma qui bisogna che tutto passi per la burocrazia, i parrucconi e le vecchie idee; una cosa del genere come minimo vede l’intervento delle forze armate e di sconosciuti enti per i consumatori perché magari la vecchina si è spaventata oppure l’ignorante non l’ha capito.
Vabbè, non mi deprimo e mi riguardo il filmato e sogno di poter vivere in un paese civile e amante della cultura.

3 pensieri su “Cosa non si fa per la cultura.

  1. Purtroppo il problema non è solo l'abbandono, ma anche la vecchia concezione della cultura e i musei: essi sono luoghi per pochi eletti, vestiti eleganti e che parlano chic o astruso. I musei non devono essere fruibili per tutti e soprattutto appetibili.
    Ricordiamo che qualcuno disse che “con la cultura non si mangia”.
    Da noi fare un video del genere per un museo susciterebbe un coro di polemiche (da parte di parrucconi e giornalisti leccapiedi) perché “non si fa. Si sminuisce il valore di un museo. Si banalizza la cultura.” Per i ben pensanti meglio un museo chiuso che un museo moderno e piene di gente…

    Invece la cultura è sempre comunicazione e come tale deve saper arrivare alla gente, anche divertendo (visto poi che il divertimento sano non è peccato).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...